Tre milioni e mezzo di bambini afghani senza istruzione

Rapporto del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia

Kabul, 3. Circa tre milioni e mezzo di bambini afghani non hanno accesso ad alcun livello di istruzione per molteplici ragioni, la principale delle quali è l’insicurezza. Lo ha reso noto un rapporto del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (Unicef). L’emittente Tolo Tv di Kabul ha precisato che l’Unicef si è impegnato a versare al ministero della pubblica istruzione 46 milioni di dollari come contributo alla soluzione del problema.
Firmando il relativo memorandum, il ministro Mohammad Ibrahim Shinwari ha assicurato: «Cercheremo di mettere in moto un sistema globale per verificare le esigenze educative dei bambini e misurare quanti di essi non hanno raggiunto la soglia di istruzione prevista, e perché». Shinwari ha poi ricordato che attualmente circa 1200 scuole afghane sono chiuse a causa dell’insicurezza, e che il 75 per cento dei bambini che non hanno accesso all’istruzione sono femmine.
Il responsabile dell’Unicef in Afghanistan, Adele Khodr, ha sostenuto: «Dobbiamo concentrarci sui modi per portare i bambini senza istruzione nel circuito educativo. Particolare cura vogliamo avere per le bambine, e per la formazione di insegnanti donne, un problema urgente e della massima importanza».

(L'Osservatore Romano, 4 gennaio  2018)